Detti della Sabina home

Proverbi

"Tra le poche testimonianze della cultura contadina del passato che ancora oggi continua a sopravvivere in questa area i proverbi occupano certamente il posto principale. Essi da sempre hanno svolto una funzione di sanzione comportamentale e di indirizzo della prassi quotidiana ma anche di manifestazione dell'esperienza indirizzata verso l'interpretazione della realtà.
Essi sono la sintesi della sapienza popolare accumulata e trasmessa di generazione in generazione in generazione e un loro corpus collocato territorialmente diviene una sorta di osservatorio dei valori e del sistema sociale condiviso in una determinata area. Il Tomasseo ebbe a scrivere che
"Se tutti si potessero raccogliere e sotto certi capi ordinare i proverbi italiani, i proverbi d'ogni popolo, d'ogni età, colle varianti di voci, d'immagini e di concetti, questo, dopo la Bibbia, sarebbe il libro più gravido di pensieri".
Dal punto di vista stilistico i proverbi si presentano genericamente come distici a rima baciata, ma non mancano quelli in cui alla rima si sostituisce l'assonanza o, addirittura, quelli privi di un preciso schema metrico ma caratterizzati solo da una determinata sequenza ritmica. Da ricordare che i proverbi che hanno per tema la satira verso un centro e i suoi abitanti sono definiti come blasoni, mentre quelli che si presentano come una citazione sono definiti wellerismi. Negli anni cinquanta Oliviero Savini Nicci raccolse diversi proverbi nel territorio di Selci, mentre alcuni altri erano stati raccolti a Vaconeintorno agli anni trenta da Gelindo Ceroni e altri ancora sono stati raccolti più recentemente da Maria Cristina Vico a Cantalupo in Sabina. Li riportiamo di seguito in quanto questi documenti nel loro insieme, costituiscono un corpus, certamente ampliabile, del patrimonio paremiologico dell'intera area dell'agro foronovano.

 

Metereologia

76
Il lonte di Vacone ha fatto cappa,
Correte Rocchettani t'esso l'acqua.

77
Palma bagnata, gregna asciutta.

78
Cecala in settembre, estate fino a novembre.

79
I morti piangono prima o piangono dopo.

80
L'acqua di giugno leva pane, vino e olio.

81
Quando allampa se la scampa
quando tona gliene sona.

82
Dio te sarvi da la porvere de gennaro e da la fanga d'agosto.

83
S.Antonio da la barba bianca, o la neve o la fanga.

84
Gennaro ingenera, febbrao intenera, marzo 'moccia, aprile sboccia.

85
Pe' S.Valentinu la primavera stà vicinu.

86
Marzo: 'u giovane doma e lu vecchiu ammazza

87
Neva marzolina da la sera a la matina

88
Quanno de marzo la notte trona, la vennemmia sarà bona.

89
Aprile temperatu, beatu chi ha sementatu.

90
L'acqua de maggio fa belle le donne.

91
Se de giugnu piove 'a notte, è mejo che Cristu te manni 'a morte.

92
Se voi vedè quarche sciagura, sciroccu chiaru e tramontana scura.

93
Maremma chiara e montagna scura, mittite 'n viaggiu senza paura.

94
Se tronisce verso Collevecchiu sciojete 'e scarpe e vattene a lettu.

95
Quanno la montagna de Vacone mette la cappa, scappa bambocciaru ch'esso l'acqua.

96
Quanno vedi l'acqua a S.Oresto, toccate 'e scarpe e curri presto.

97
Quanno l'apa gira de gennaru, tiette forte paja e granaru.

98
Piove sempre tra 'na Madonna e l'antra (tra il 5 e il 15 agosto e l'8 settembre).

99
Pe' S. Barbera, stà vicinu 'u focu e guardela.

100
S. Barbera e S. Lisabetta, libberace dar furmine e da la saetta.


Lavoro

101
Nun c'è aerte e nè ingegnu pe' fà tacca la carce co lu legnu.

102
Ognuno ha l'arte sea e lu lupu le pecore.

103
Quanno 'u grano fa la resta nun vo' l'acqua là nà testa.

104
Pe S.Vitu, tuttu 'u granu è coloritu.


Prodotti agricoli, alimentazione

105
Le mele entrano dalla porta
ed escono dalla finestra.

106
La n'salata pocu acitu e ben ojata.


Animali

107
Bue vecchio, surcu drittu.


L'uomo, rapporti sociali, comportamenti, ecc.

108
Quer che ha da' veni nisciun vecchiu l'arecorda.

109
Chi de l'antri fa speranza, fà male carnevale e peggio Pasqua.

110
Chi se fà l'affari sea campa cent'anni e more a lettu.

111
Chi va co' lu zoppu 'mpara a zoppica.

112
Alla morte ogno cojion c'arriva.

113
'Gni spinta ajuta a fa 'n passu.

114
La società è bella dispara: unu e pocu e tre so troppi.

115
Lupu non magna lupu.

116
La vita è 'n'affacciata de fenestra.

117
La troppa confidenza fà perde la riverenza.

118
Chi ferra 'nchioda, chi cammina 'nciampiga.

119
Bellezza e gioventu, te giri e non li trovi più.

120
Non te consija co' li potti e nun t'annisconne al tuo cane.

121
Alloggia quando alloggia la gallina
e quando canta il gallo tu cammina.

122
Và a letto co' la gallina, ma quanno canta 'u gallu tu cammina.

123
D'un bucittu picculittu
scappa la casa con tuttu lu tittu.

124
Ce viè ina gran pizza co' la farina de l'antri.

125
Tata l'adrizza e mamma l'ammoscia.

126
'U maritu compra 'u granu e la moje venne la farina.

127
Pe chi attacca bottoni, tutti i fili so' boni.

128
Fugni e nidi, pijali quanno 'i vidi.

129
La corolla e lu maritu và fatti a modu seu.

130
Lassa stà, nun t'mpiccia; tira a campa.

131
A la bestia 'nvidiata je s'alliscia 'u pilu.

132
La fennena e la crapa la peggio strada se la recapa.

133
Detto per detto nun s'è 'mpiccatu mai niscjunu.

134
Chi nun sà rubbà nun sà campà.

135
Chi promette e nun le dà è signu che ce vò pija.

136
Chi più disprezza più compra.

137
Mejio faccia roscia che panza moscja.

138
Moje, maritu e fiji come Dio li dà li piji.

139
Chi più ha più lassa.

140
Quaranta molinari, quaranta macellari e quaranti osti, so' centoventi ladri giusti giusti.

141
Chi va co' li cani se recoje 'e puci.

142
Chi l'ha pizzicatu la vipera ha paura della lucerta.

143
Chi nasce galina, more ruspanno.

144
Donne, ricette e mode, chi le capisce gode.


Condizioni di vita e di lavoro

145
Cerqua a terra, tutti a legna.

146
La vita è come la scaletta de lu pullaru: corta, stretta e piena de morda.

147
Quanno senti che se lavora, va piano ch'è sempre ora, ma quanno senti che se magna, curri come 'u lepore de montagna.


Abitudini, usanze, credenze

148
Quanno pénne d'a bocca
piglia l'asino e tocca.

149
A piedi della figora ce nasce 'u figuccillu.

150
Panza pizzuta non porta cappello.


Comportamenti positivi

151
Passata la cinquantina, lassa la figora e pija la cantina.

152
Fino alla bara sempre s'empara.

153
Se voi che la robba dura, pure dell'acqua fà mesura.

154
La regina ch'è regina ha bisogno de la vicina.


Comportamenti negativi

155
Chi non c'ha ragione la cerca.

156
La femmina rideralla si non è troja è puttanella.

157
Lu sorce che scappa sempre dallu stessu buciju lu frega lu micillu.

158
Chi se racconcia addosso non vale mzzu grosso.

159
A la donna de pocu, mon faje accenni, ne lume, ne focu.

160
Preti e frati, passeri e polli, non sò mai satolli.

161
Preti e frati dè carità so' privi, pregano li vivi.

162
Doppo la doja arrivjè la voja.

163
La persona bona fà la fine de la crocchia.

164
Chi più sporca la fà diventa Priore.

165
Chi lavora fa la gobba, chi rubba fa la robba.

166
Chi troppu parla spissu falla.

167
Chi de l'antri se veste, presto se spoja.

168
Chi te loda 'n presenza te sparla 'n assenza.

169
La pecora che bela perde 'u boccone.

170
Cosa fatta pe' forza nun vale 'na scorza.

171
Quanno si tristu si peggio de la peste de S. Rocco.

172
Chi va a lettu co' li putti s'arisveja scompiscjatu.


Blasoni

173
I Cantalupani sono larghi di bocca
e stretti di mani.

174
Napoli pe' bellezza, Roma pe' santità.

175
Li funari de Foligno, li caprari de Configno e de Norcia 'u norcinu.


Vari

176
Morte mmon venga, guaij co la pala.

177
Se voi fa 'na bella faciolata, in ogni buca 'na brancata.

178
Si amaru come 'u storice

179
Innocente come l'acqua de li maccheruni

180
Pulitu come lu bastone dellu pollaru

181
Acqua ferma vermi mena.

182
Puntu lunghi e tirati, oggi messi dimani levati.

183
La lepore stà a do' nun credi.

184
La bocca nun è stracca si nun sà de vacca.

185
Anche la presja vo' lu tempu seu.

186
Pe la femmena che se remarita l'astinenza è fenita.

187
La sera so' leoni, la matina so' cojioni.

188
Cacciatore giovane e cane vecchiu.

189
Quanno la bocca prenne e 'l culu renne, ar diaulu le medicine e chi le venne.

190
Trista quilla casa do' nun c'entra mai niscijunu.

191
La gatta frettolosa fà i fij cechi.

192
Chi magna solu se strozza.

193
Dio li fa lu diaulu l'accoppia.

194
Lu prete è come lu carbone, o tigne o coce.

195
La miseria vole il suo sfogo.

196
Lupu non magna lupu.

197
Quanno 'u porcu è satollo, remmotica 'a 'ntroccata.

198
La processiò do' scappa arientra.

199
Zoccoli, broccoli e predicatori, dopo Pasqua nun sò più boni.

200
Se voi sta bè:un giorno fatte 'a barba, 'na settimana fatte lu pane, un mese pija moje, un anno ammazza 'u porcu, tutta la vita fatte prete.

201
Mortu 'u serpe, finitu 'u velenu.

202
La femmina e lu focu, vanno stuzzicati ogni pocu.

203
Fa prima 'na donna a trovà 'na scusa che lu sorce 'na buca.

204
Chi va a nozze non è 'nvitatu, o è mattu o è 'briagu.

205
Quanno 'u padre fa carneale, tocca ai fij fà quaresima.

206
Se si sfortunatu, te pioe 'nculu pure se si assetatu.

207
Se sei fortunatu te feda pure 'u gallu.

208
Acqua piano, vino bono e donna bella, t'arrovina la mazzarella.

209
Se voi empi lu lettu, moje giovane e maritu vecchiu.

210
Non tuttu 'u granu va a lu granaru.

211
Panza piena nun penza a quilla vota.

212
Chi pecora se fà, lupu se lo magna.

213
Morte non viè che scusa non ha.

214
Chi non risica non rosica.

215
Non compete co' l'acqua e co' lu focu, co chi ha tanto e co chi ha pocu.

216
Co l'anno novo 'gni gallina viè a ovo.


Wellerismi

217
Disse la vorpe a l'amati fiji: quanno a pulli e quanno a grilli"


Dal libro "L'Agro Foronovano" Insediamenti storici architettura rurale e mondo contadino di Roberto Lorenzetti

[tornare a tradizioni]


HOME SABINA ONLINE
Luoghi da visitare - Eventi - Collegamenti - Mappa
Storia - Gastronomia - Territorio - Tradizioni - Bibliografia
Comuni della Sabina - Scuole - Numeri utili
"Il Farfa dal Farfa" - La Goccia - Link

email: info@fabarisit

una produzione Fabaris srl
© 1998 - 2001 Fabaris tutti i diritti riservati