tornare a luoghi da visitare home

Itinerario Romanico - S. Francesco a Calvi dell'Umbria
Come arrivarci:
  • Uscite dall'autostrada Roma - Firenze al casello "Magliano Sabina".
  • Percorrete la Flaminia verso Civita Castellana per ca. 3 km e girate a sinistra al bivio per Torri in Sabina, seguendo la ss.657.
  • Dopo 10-15 minuti c'è un bivio a sinistra per Calvi dell'Umbria.
S. Francesco si trova nel comune di Calvi dell'Umbria. Per sapere di più su questo comune, vedi la pagina Calvi dell'Umbria.


Momentaneamente "l'Itinerario Romanico" è previsto solamente previo prenotazione anticipata.

Ufficio Informazioni Tel.0765/455867.



S. Francesco: portale


S. Francesco: Chiostro

Calvi dell'Umbria
La chiesa di S. Francesco e il convento di S. Berardo sorgono a circa 500 metri dalle mura di Calvi dell'Umbria, su un crinale collinare che divide le valli di Otricoli e di Magliano Sabina, all'incrocio della vecchia strada per Narni.

Secondo la tradizione, furono edificati su un fondo di proprietà della famiglia di S. Berardo, giovane calvese che, conquistato dalla predicazione del Poverello d'Assisi di passaggio per il paese nel 1213, lo segui e, inviato a portare il Vangelo in Marocco, vi subì il martirio insieme ad altri cinque confratelli.

Della primitiva chiesa, originariamente dedicata a S. Vittoria e dell'annesso piccolo oratorio si hanno notizie documentarie a partire dal 1291.

Del complesso architettonico originario, attualmente si conservano la parete nord, la facciata della chiesa ed il piccolo oratorio. Quest'ultimo, costituito da due locali, uno dei quali sopraelevato, è stato inglobato nella costruzione posteriore all'incendio ed al saccheggio perpetrati dai Lanzichenecchi nel 1527.

La chiesa, edificata in pietra calcarea locale, orientata nel modo canonico, restaurata più volte nel corso dei secoli XVII e XVIII, presenta una facciata di forma quadrata sormontata da un timpano con l'insolita presenza di una unica aula voltata a botte con 10 cappelle laterali e conserva all'interno pregevoli dipinti.

Dalla piazzetta antistante la chiesa si accede al chiostro quadrato con, al centro, un pozzo del secolo XIII, alle pareti dei resti di affreschi della seconda metà del XVII secolo raffiguranti scene della vita di S. Francesco.

Chiesa di San Salvatore
La chiesa di S. Salvatore, luogo dove secondo le fonti documentarie predicò S. Francesco, è posta nella valle omonima ai piedi del paese, ove si era raccolta a formare il borgo di Calvi la popolazione fuggita dal distrutto castello di Altaino. Attualmente proprietà di privati, di essa restano soltanto i muri perimetrali dell'abside. Sono andati perduti gli affreschi della volta e le 24 pitture votive della prima metà del XV secolo, distribuite in tre ordini lungo le pareti e ancora visibili nei primi decenni di questo secolo. Fu la quarta parrocchia di Calvi, aggregata fino al XVII secolo a quella di S. Valentino aveva due cappelle, una dedicata a S. Pietro e Paolo e l'altra all'Annunziata. Dimenticata e abbandonata, venne utilizzata come cimitero fino alla attuale destinazione.

Itinerario Romanico - fine

Territorio dell'Agro Foronovano Sabino-Umbro
Provincia di Rieti Provincia di Terni

ITINERARIO ROMANICO -VESCOVIO, TARANO, MONTEBUONO, FIANELLO, CALVI DELL'UMBRIA
Testi Tersilio Leggio -Direttore del Museo di Farfa
versione inglese Helen Patterson Assistant Director (Archaeology) The British School at Rome

consulenza
Giovanna Alvino Soprintendenza Archeologica del Lazio
Mariasanta Valenti Soprintendenza Beni Ambientali e Architettonici del Lazio
Claudio Blasetti Soprintendenza Beni Ambientali e Architettonici del Lazio
Alia Englen Soprintendenza Beni Artistici e Storici del Lazio

Collaborazione
Regione Lazio Consorzio dei Comuni dell'Agro Foronovano
Banca di Credito Cooperativo di Roma
Gruppo Cassa Rurale ed Artigiana di Roma

 


HOME SABINA ONLINE
Luoghi da visitare - Eventi - Collegamenti - Mappa
Storia - Gastronomia - Territorio - Tradizioni - Bibliografia
Comuni della Sabina - Scuole - Numeri utili
"Il Farfa dal Farfa" - La Goccia - Link

email: info@fabarisit

una produzione Fabaris srl
© 1998 - 2001 Fabaris tutti i diritti riservati