tornare a luoghi da visitare home

La Grotta di San Michele

Come arrivarci:

  • Uscite dall'autostrada Roma - Firenze al casello "Fiano Romano".
  • Prendete la superstrada fino a Passo Corese e poi la strada provinciale 313 fino al bivio per Poggio Catino.
  • Da Poggio Catino prendete la strada che sale per la montagna. Dopo ca. 15 minuti vedrete un piccolo ponte ed un parcheggio.
Altare all'nterno della grotta di San Michele
Da qui parte il sentiero che, dopo ca. 15-20 minuti di cammino, porta alla Grotta di San Michele.

La Grotta di San Michele si trova nel comune di Monte S. Giovanni in Sabina. Per saperne di più su questo comune, vedete la pagina Monte S. Giovanni in Sabina.

Esterno della grotta La Grotta di San Michele è un piccolo santuario rupestre ricavato in una grotta, ed è circondato dai boschi del Monte Tancia. Si pensa che originariamente la grotta fu un luogo dedito alla dea Vacuna, divinità Sabina delle acque e dei boschi, lo testimonia una figura femminile scolpita in una stalattite, scomparsa da 25 anni.
La cristianizzazione della grotta è strettamente collegata ad una leggenda, che racconta come, nel IV secolo d.C., la zona venne devastata da un drago il quale trovò rifiugio nella grotta. Papa Silvestro, pregando una notte sul Monte Soratte, vide due angeli accompagnati da fulmini scendere dal cielo per sconfiggere il drago. L'otto maggio si recò alla grotta con una folla di fedeli e la consacrò a S. Michele. Nei secoli seguenti sorse intorno alla grotta un monastero. Per arrivare alla Grotta, si passa su un sentiero che si inerpica leggermente nel bosco via via più fitto. Il sentiero porta ad un piccolo pianoro posto sotto una ripida parete rocciosa.
Ai bordi del pianoro, ci sono i resti, semisommersi dalla vegetazione, delle case dei frati dell'eremo di San Michele, al quale si accede attraverso una ripida scalinata scavata sul fianco della montagna, che conduce sino al piccolo terrazzo antistante la grotta. Nella grotta c'è un altare sovrastato dal ciborio, costituito da due colonne e rivestito da due strati di affreschi. Sull'archivolto del ciborio il busto del Cristo è circondato dai simboli apocalittici dei 4 evangelisti, mentre sul fondo della lunetta, al di sopra dell'altare, si trova l'immagine della Madonna con il Bambino;
sulla fronte del ciborio è affrescato l'Agnus Dei con ai lati le immagini dei profeti che si inchinano reverenti. Sulla parete della Grotta ci sono degli affreschi che rappresentano la Vergine Maria con il Putto e San Michele con la sua corazza dorata. Sulle pareti, inoltre, si notano concrezioni di vario tipo, formate dal depositarsi del carbonato di calcio che l'acqua infiltrata ha portato con sé attraverso le pareti calcaree, e che si è depositato nei punti in cui, lo stillicidio delle gocce succedutesi nei secoli, ha dato vita a formazioni di stalattiti e stalagmiti.Nella Grotta si possono incontrare anche i pipistrelli, che sostano appesi al soffitto, negli anfratti più nascosti. Affresco
Si ringrazia il Comune di Monte San Giovanni in Sabina per la gentile concessione dei testi

Dal medesimo sentiero che porta alla Grotta di San Michele partono altri sentieri segnalati per fare delle escursioni sul Monte Pizzuto e Monte Tancia.

Ogni anno, a maggio, gli abitanti di Roccantica fanno un pellegrinaggio fino alla Grotta di San Michele.



HOME SABINA ONLINE
Luoghi da visitare - Eventi - Collegamenti - Mappa
Storia - Gastronomia - Territorio - Tradizioni - Bibliografia
Comuni della Sabina - Scuole - Numeri utili
"Il Farfa dal Farfa" - La Goccia - Link

email: info@fabarisit

una produzione Fabaris srl
© 1998 - 2001 Fabaris tutti i diritti riservati