4° Rassegna Internazionale di Canto Gregoriano e Polifonia Sacra
S. Maria di Vescovio - 4/7 Gennaio 2001

Introduzione
La Quarta Rassegna Internazionale di Canto Gregoriano e di Polifonia Sacra, è evento significativo per la cultura religiosa della nostra Terra Sabina.
"La tradizione musicale della Chiesa, costituisce un patrimonio di inestimabile valore che eccelle tra le alte espressioni delle arti, specialmente per il fatto che il Canto Sacro, unito alle parole, è parte necessaria e integrante della liturgia Solenne" (s.c. 112).
Nella tradizione musicale della Chiesa, il Canto Gregoriano e la Polifonia Sacra, sono di particolare rilevanza. Ci ricorda il Concilio Vaticano II: "La Chiesa riconosce il Canto Gregoriano come Canto proprio della Liturgia Romana; perciò nelle azioni liturgiche, gli si riservi il posto principale. Gli altri generi di Musica Sacra e specialmente la Polifonia, non si escludono affatto dalla celebrazione dei Divini Uffici" (s.c. 112).
Accanto alla particolare rilevanza liturgica, il Canto Gregoriano e la Polifonia costituiscono un comune patrimonio dell'Europa unita capace di unire i cuori e le menti in una comune solidarietà e collaborazione.

Ringrazio di cuore gli organizzatori della Rassegna ed auguro a tutti di ritrovare - attraverso le melodie del Gregoriano e della Polifonia - una rinnovata elevazione dello spirito ed una profonda pace dei cuori.


+ Lino Fumagalli
Vescovo di Sabina - Poggio Mirteto

L.R.



The Fourth International Festival of Gregorian Chant and Sacred Polyphony is a significant event for the religious culture of our area, the Sabina.
"The musical tradition of the Church constitutes a priceless resource which excels, among the arts, as a necessary and integral part of holy liturgy (s.c. 112).
Gregorian chant and sacred polyphony are particularly important within the musical tradition of the Church. The Vatican II Council affirmed that: "The Church recognizes Gregorian chant as part of the Roman liturgy, and reserves first place for it. Other kinds of holy music, and in particular sacred polyphony, should not be excluded from divine offices" (s.c. 112).
Apart from its liturgical importance, Gregorian chant and polyphony constitute a common European inheritance, capable of uniting hearts and minds in solidarity and cooperation.

Heartfelt thanks go to the organizers of the Festival, and I wish that everyone will be able to find, through the melodies of Gregorian chant and polyphony, an elevation of the spirit and a profound peace of the heart.

+ Lino Fumagalli
Bishop of Sabina - Poggio Mirteto

L.R.



Giovedi 4 GennaioVenerdi 5 GennaioSabato 6 GennaioDomenica 7 Gennaio
Canto Gregoriano e Polifonico - I Cori

Home