olio d'oliva home

L'olivo è stato coltivato in Sabina da millenni, tracce dell'uso dell'oliva risalgono al 6-7 secolo ac. Il clima temperato e l'esposizione a sud della zona creano le condizioni ideali per la coltivazione dell'olivo, mentre la natura collinare del territorio rende impraticabili i metodi moderni di agricoltura intensiva. Così gli oliveti rimangono ancora proprietà di famiglie locali, quasi tutti in piccoli appezzamenti, e la raccolta delle olive viene fatta a mano. Essendo una pianta di natura rustica, l'olivo si presta bene alla coltivazione biologica; negli ultimi anni infatti della nostra zona si è diffusa molto questo tipo di coltivazione dell'olivo, grazie anche agli aiuti dell'Unione Europea. testimonianza dell'alta qualità dell'olio della Sabina, possiamo dire che è stato il primo in Italia a ricevere il riconoscimento D.O.C.

A Canneto (fraz. di Fara in Sabina) sorge l'olivo più grande d'europa. Il suo tronco misura circa 7.20 m di circonferenza, e l'albero ha un'età stimata di 2.000 anni.
A Castelnuovo di Farfa, nell'antico Palazzo Perelli, si trova il Museo dell'olio d'oliva.
La varietà dell'olivo tradizionalmente piu coltivato in Sabina è "Carboncella", seguito dal "Leccino", "Frantoio" e "Olivastro".
L'olio d'oliva extra-vergine è un componente indispensabile della dieta mediterranea, contiene soprattutto dei grassi monoinsaturi ma anche livelli piuttosto alti di vitamina E. Si consiglia di usarlo crudo affinchè si conservino tutte le sue proprietà nutrizionali.



HOME SABINA ONLINE
Luoghi da visitare - Eventi - Collegamenti - Mappa
Storia - Gastronomia - Territorio - Tradizioni - Bibliografia
Comuni della Sabina - Scuole - Numeri utili
"Il Farfa dal Farfa" - La Goccia - Link

email: info@fabarisit

una produzione Fabaris srl
© 1998 - 2001 Fabaris tutti i diritti riservati