Tornare a Comuni della Sabina

home

Vacone

517 mt. s.l.m.
Cap 02040
Distanza da Rieti 31 Km
Stazione più vicina: Stimigliano

Numeri utili

  • Comune .......... 0746 676833
    Ufficio turismo 
    e cultura........... 0347 4967928
    fax ...................0746 676830
    cesache@tin.it
  • Pro loco .......... 0746 676833
  • Ufficio postale .. 0746 676805

Consulta la pagina degli Eventi aggiornata quotidianamente

Vacone Il toponimo Vacone (Fanum Vacunae) deriva, secondo l'interpretazione più seguita, dalla Dea Vacuna, divinità Sabina il cui culto era collegato ai boschi, alle acque, al naturalismo silvestre. Sul suo territorio numerosi sono i resti di età romana, tra i quali spicca la struttura della villa del grande Poeta latino Quinto Orazio Flacco.
La presenza della vicina Fonte Bandusia (Fons Bandusiae), il Pago (Pagus) e la nitida vista del monte Soratte, fanno riconoscere in questi luoghi il fundus donato da Mecenate al Poeta nel 33 a.C.. Le prime notizie del castello di Vacone risalgano al 1027 quando, Susanna, con il consenso del marito Attone, donò al monastero tutto ciò che aveva ereditato dal padre Landolfo e dalla madre Tassia nel castello di Vacone. 
Il castello cadde agli inizi del XIII secolo, in potere di una famiglia nobile romana (Ogdolina) ma la popolazione reagì violentemente all'imposizione del dominio signorile tanto da spingere Papa Gregorio IX a riacquistare i diritti del castello di Vacone, in modo da restituire pace e quiete al castello, ma anche all'intera Sabina.
Il castello passò poi agli Orsini nel 1364 che successivamente lo lasciarono in eredita ai Caetani, che a loro volta lo vendettero al Conte Gasparo Spada. Il dominio di Gaspare Spada su Vacone fu costellato da una serie di vessazioni inflitte agli abitanti, obbligati, tra l'altro, a contribuire alle spese per la costruzione del palazzo baronale. Alla sua morte, avvenuta in Roma nel 1624, gli successe la vedova Virginia Mattei. Il castello fu poi venduto ai Caccia di Sant'Oreste, dai quali passò al marchese Angioletti. Il nobile bolognese nel 1658 la vendette a Guido Vaini, successivamente alla morte di quest'ultimo, il castello venne venduto al nobile reatino Antonio Clarelli. Il 18 novembre del 1816 il marchese Antonio Clarelli rinunciò ai suoi diritti feudali su Vacone che, con 283 abitanti, divenne appodiato di Torri tornando Comune autoctono nel 1827.

 

Si ringrazia il Comune di Vacone per la gentile concessione dei testi.

Da visitare

Itinerario Oraziano Itinerario Oraziano

Eventi:

Andar per Olio e per Cultura - 1-9 dicembre edizione 2007

Sacra Vacunae

 

 


HOME SABINA ONLINE
Luoghi da visitare - Eventi - Collegamenti - Mappa
Storia - Gastronomia - Territorio - Tradizioni - Bibliografia
Comuni della Sabina - Scuole - Numeri utili
"Il Farfa dal Farfa" - La Goccia - Link

email: info@fabarisit

una produzione Fabaris srl
© 1998 - 2001 Fabaris tutti i diritti riservati