Santa Agostina

Biografia in breve

Da Pozzaglia Sabina

Suor Agostina, al secolo LIVIA PIETRANTONI, nasce il 27/03/1864 a Pozzaglia S., un piccolo paese abbarbicato alla montagna in mezzo ad una vegetazione dove il tiglio e la ginestra dominano incontrastati Viene battezzata lo stesso giorno presso la chiesa parrocchiale di S. Nicola di Bari. E' prediletta dai genitori e dai nonni per la sua assiduità nei doveri domestici ed il suo spirito caritatevole. Cresce una donna di grande bontà, una vera educatrice della carità.

 

....All'Istituto delle Suore della Carità

Entra in Istituto il 23/03/1886. Ben accolta dalle altre suore, svolge dal 23/03/86 al 14/10/86 la prima prova della sua vocazione come postulante. La funzione della vestizione viene compiuta dall'Em.ssimo Cardinale Parrocchi, Vicario di Sua Santità. Essere una Suora della Carità significa, per lei, poter donare tutta se stessa al servizio e a beneficio del prossimo per amore di Gesù.

 

....All'Ospedale Santo Spirito

Dopo l'agosto del 1887 entra definitivamente in corsia. Dal 1887 al 1889 è in servizio, come infermiera, in vari reparti per essere poi destinata alla sezione "tubercolosi". E' sempre fedele al suo motto:" Noi non possiamo fare cose straordinarie per santificarci; dobbiamo però osservare esattamente i nostri doveri e le Regole anche nelle più piccole prescrizioni". Mostrando nobili virtù e inimitabile spirito di sacrificio, prelude al celere e sicuro suo progredire nella via della Santità.

 

....fino alla gloria dei Cieli

Serve fedelmente il suo prossimo senza risparmiarsi, in una missione volta alla conversione, alla cura del corpo e dell'anima di tutti i malati anche i più facinorosi ed irriducibili. Un certo Romanelli, un delinquente che l'aveva più volte ingiustamente minacciata, il 13/11/1894, entra furtivamente in ospedale, le tende un agguato per poi colpirla a morte, vigliaccamente, con sette pugnalate. Cade in silenzio, invocando la Madonna e implorando il perdono di Dio per il suo barbaro assassino. Numerose sono state le grazie ed i miracoli ricevuti, per Sua intercessione, da persone sofferenti. Il 12 novembre 1972 viene proclamata beata. Il 18 aprile 1999 un'immensa folla in Piazza S. Pietro partecipa, con viva emozione, alla cerimonia della Sua canonizzazione presieduta da Sua Santità Giovanni Paolo II.