Certificati più facili e a domicilio grazie alla collaborazione tra Comune di Poggio Mirteto e Poste Italiane

Con delibera di Giunta Comunale n. 285 del 1 dicembre 1998 è stato approvato un protocollo d'intesa con le Poste Italiane che permetterà ai cittadini, tramite il numero di telefono 186, di richiedere certificati comunali a domicilio.
Così tutti quelli che sono impossibilitati a recarsi negli uffici comunali con una semplice telefonata potranno vedersi recapitare i certificati comunali al proprio domicilio con il pagamento di un costo aggiuntivo pari a quello di un telegramma.
Un servizio, questo del Comune di Poggio Mirteto e delle Poste Italiane, che è rivolto alle fasce sociali con maggiori difficoltà di spostamento, gli anziani, i malati, i portatori di handicap e tutti coloro che per motivi di tempo non possono recarsi presso gli uffici comunali.
Prosegue così l'azione del Comune nell'ottica di semplificare sempre di più i rapporti con i cittadini. Un servizio questo del recapito a domicilio dei certificati che si aggiunge alle due aperture pomeridiane del martedì e del giovedì ed al mantenimento dell'apertura del sabato mattina dell'ufficio anagrafe; tutti sforzi degli Uffici Comunali per cercare di andare incontro alle esigenze della popolazione.
Così dai primi mesi del 1999, appena predisposti i terminali all'interno degli uffici comunali, i cittadini avranno a disposizione questo nuovo servizio che permetterà di ricevere comodamente nella propria abitazione i certificati comunali.



Nuove regole per i tributi comunali
ICI e TARSU "più leggere"

A seguito degli accertamenti sulle superfici tassabili è stato possibile deliberare le nuove tariffe dei Rifiuti Solidi Urbani e dell'ICI .
Per i rifiuti, grazie alle nuove superfici censite si avrà, già a partire dalle bollette del 1998, una riduzione pari al 23% per tutte le categorie di immobili.
una famiglia che nel 1997 pagava £ 2.350 al mq., a partire dal 1998 risparmierà ben 540 lire pagando £ 1.810 al mq., mentre le attività commerciali vedono passare la tariffa da £ 12.000 e £ 10.100 al mq. del 1996 alle attuali £ 8.320 al mq. per entrambe le categorie.
per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli sia in attività che in pensione, già a partire dal 98, è stata decisa l'esenzione dal pagamento per le abitazioni agricole.
Per gli esercizi commerciali, i Bar, i ristoranti, gli alberghi e gli studi professionali, la tariffa negli ultimi due anni è stata ridotta del 33%. Inoltre il Consiglio Comunale nella seduta del 14/12/1998 ha deliberato l'esenzione dal pagamento dell'imposta sulle insegne per gli esercizi commerciali del centro storico e delle vie limitrofe che si sono adeguati o si adegueranno alle indicazioni contenute nelle delibere che regolano la materia in oggetto.
Grazie alla collaborazione di tutti i cittadini, si sta realizzando così quel principio di equità fiscale che è stato alla base di questa campagna dell'Amministrazione Comunale sintetizzata nel motto: PAGARE MENO PAGARE TUTTI.
Un'operazione questa, come sempre sostenuto, che si è mossa con il preciso intento di mettere ordine ed eliminare le ingiustizie dovute in molti casi a poca chiarezza delle stesse normative, con l'obiettivo dichiarato di alleggerire il carico fiscale in particolar modo sulle categorie produttive.
Inoltre a partire dal 1999 con delibera del Consiglio Comunale n. 74 del 28/10/1998 è stato modificato, anche per adeguarlo ai prossimi cambiamenti dettati dal decreto "RONCHI", il sistema per determinare la tariffa rifiuti.
Nel 1999 si andrà da un minimo di £ 1.338 mq. per un solo componente il nucleo famigliare alle £ 1.910 al mq. del nucleo medio di 4 persone, fino ad un massimo di £ 2.292 al mq. per una famiglia composta da 7 persone.
Una serie di sforzi dell'Amministrazione Comunale per rendere più leggero possibile il peso dei Tributi, compatibilmente alle esigenze di bilancio e di copertura dei costi dei servizi, imposti da una politica volta ad una efficiente gestione che tende ad eliminare sprechi e a garantire, nei limiti delle possibilità attuali, servizi più efficaci.
Anche per l'ICI il Consiglio Comunale con delibera 74 del 28/10/1998 ha inteso modificare le tariffe in vigore rideterminandole ed applicando aliquote differenti fra le abitazioni principali e quelle secondarie.
Così dal 1999 le abitazioni principali vedranno diminuire l'aliquota del 6x mille al 5,7x mille e le detrazioni per la prima casa passeranno dalle attuali £ 200.000 a £ 300.000.
Per le seconde case non affittate invece e per i terreni edificabili l'aliquota passerà al 7x mille.
Anche per l'ICI il Comune intende portare avanti una politica fiscale che progressivamente diminuisca, sempre compatibilmente ai limiti di bilancio, il prelievo sulle abitazioni principali. Quando sarà terminata l'indagine per l'accertamento delle posizioni dei contribuenti sarà possibile avere un quadro ancora più chiaro e proporre nuove diminuzioni e differenziazioni di aliquote. Occorre però al riguardo sempre tenere presente che per legge il gettito complessivo che il Comune ricava dall'ICI deve rimanere immutato.
Per maggiori e più dettagliate informazioni contattare l'Ufficio Tributi 0765 405207.
Il Sindaco



"Adottato" il PRG

Il 10 agosto 1998 con delibera n. 53 il Consiglio Comunale ha adottato il nuovo strumento urbanistico. Si tratta di un significativo passo nella direzione che si auspica porterà ad ottenere finalmente uno strumento di programmazione e pianificazione territoriale più efficiente e più confacente alle nuove esigenze urbanistiche rispetto al "vecchio" P.D.F., che mi duole ricordarlo è vigente da oltre trenta anni. Il 1 dicembre 1998 sono terminati i 60 giorni entro i quali i cittadini e le associazioni potevano presentare le osservazioni allo strumento urbanistico, il Consiglio Comunale prenderà in visione le osservazioni pervenute e mediante una delibera di controdeduzioni si esprimerà rispetto ad esse. Dopo di ché il compito dell'Amministrazione Comunale altro non è che quello di inoltrare il PRG alla Regione Lazio e più precisamente all'Assessorato all'Urbanistica Regionale.
Vorrei fare alcune considerazioni a riguardo della necessità di uno strumento urbanistico per Poggio Mirteto. Bisogna capire che il nostro paese non è solo "urbs", organizzazione fisica di edifici, ma è anche e soprattutto "civitas" comunità di uomini e donne, sistema integrato di relazione, luoghi del fare del pensare del produrre, dello scambio con la natura e con gli altri esseri animali. L'unico modo per far si che questo sia possibile è stabilire delle "regole" in maniera tale che l'uomo modifichi il territorio nel quale vive con una precisa programmazione pensata nel rispetto dell'ambiente in cui opera. Senza regole non solo non si governa l'edilizia, il costruire, ma non si governa l'attività dell'uomo sul territorio. Il Piano Regolatore Generale è l'unico strumento che può aiutarci a fare tutto ciò. Difatti un piano regolatore è formato essenzialmente da una parte "strutturale" che investe per intero tutti noi. Mi riferisco alle infrastrutture all'ubicazione dei servizi, delle aree destinate alle attività produttive ai luoghi per le attività sociali, alle zone di tutela, ed a una parte più prettamente destinata ad individuare le nuove zone di espansione abitativa. Non posso sottrarmi ad una valutazione della situazione attuale di Poggio Mirteto. È sotto gli occhi di tutti il fatto che le grandi scelte urbanistiche nel nostro paese siano già state fatte (struttura sanitaria, polo didattico, caserme ed altre opera a valenza pubblica), quindi è evidente che lo strumento urbanistico che siamo andati ad adottare più che programmare ha il fine di integrare in maniera meno traumatica possibile per il territorio questi "poli" urbanistici altamente attrattivi, facendo si che lo sviluppo abitativo, i servizi, si realizzino all'interno delle direttrici indicate da questi poli e non in maniera disordinata intorno ad essi. Il Piano Regolatore Generale prevede un incremento della volumetria, nel decennio di attuazione, pari 148.405 mc di superficie residenziale, ripartita tra il capoluogo e S. Valentino, Poggio Mirteto Scalo, San Luigi e Misercordia e Castel S. Pietro nel modo rappresentato dal grafico.

Tale incremento è leggermente al di sotto del 30%, percentuale indicata dalla Regione Lazio come indice massimo da proporre.
Una particolare attenzione va posta alla verifica dei cosiddetti "standard urbanistici" del PRG , dettati dal D.M. 24/1968. Sono proprio questi gli indicatori del grado di vivibilità che si intende realizzare.
Nel grafico a seguire troverete la comparazione dei dati estrapolati dal PRG con quelli indicati dal Decreto Ministeriale. Riassumendo il nostro PRG prevede di destinare alle aree per istruzione mq 52960, alle aree per attrezzature di interesse comune mq 104.320, alle aree per spazi pubblici attrezzati a parco per il gioco e lo sport mq 206.590, alle aree per parcheggi mq 43.360.
Inoltre all'interno di ciascun centro abitato sono state reperite le seguenti superfici da destinare a verde privato di rispetto:

  • Capoluogo, San. Valentino, Misericordia mq 383.200

  • Poggio Mirteto Scalo mq 491.320

  • S. Luigi mq 2.285

  • Castel S. Pietro mq. 23.330.

Spero di aver reso questo PRG più comprensibile e meno ostico di prima mediante queste poche righe, credo che sia ormai giunto il momento di mettere un punto alla pianificazione territoriale e urbanistica di Poggio Mirteto nell'interesse di tutti noi.

L'Assessore all'Urbanistica
Fabio REFRIGERI





Farmacia al via..
Come vi avevamo già informato nel precedente numero il nostro Comune ha ottenuto l'istituzione, con Delibera Regionale N. 2134 del 22/04/97, di una seconda sede farmaceutica con individuazione territoriale nella frazione di Poggio Mirteto Scalo. Nelle more dell'assegnazione della predetta sede farmaceutica l'Amministrazione Comunale, come previsto dalla normativa che regola la materia in oggetto, si è attivata per ottenere l'autorizzazione per l'apertura di un armadio farmaceutico. Tale autorizzazione è stata concessa dalla Regione Lazio e un altro importante servizio nella località dello Scalo si è concretizzato. Il 31 Luglio è stato inaugurato lo sportello farmaceutico che osserva il seguente orario:
8.00 - 10.00 / 16.00 - 18.00 tutti i giorni feriali. Il mercoledì l'armadio farmaceutico rimane chiuso per riposo settimanale.



Parte il nuovo centro sportivo
Nei primissimi mesi del nuovo anno, finalmente vedrà la luce il nuovo centro sportivo realizzato in località Capacqua. L'intervento di per se estremamente rilevante, sia per le dimensioni sia per l'aspetto sociale che investe, comprende una piscina grande (25x12,50) una piscina di dimensioni minori, campo polivalente(40x20), reception, spazi dedicati alle attività sociali e ricreative dei frequentatori dell'impianto. Questo intervento atteso da tempo dalla nostra comunità, si è concretizzato grazie ad una collaborazione tra privati e l'Amministrazione Comunale. Si tratta di una esperienza tra le prime della nostra regione; lo spirito di tale iniziativa è quello, secondo le direttive dettate dalla normativa vigente, di introdurre energie, capacità, idee di soggetti privati nella realizzazione di opere di pubblica utilità. Le dimensioni e l'ubicazione di questo centro sportivo fanno si che esso abbia una valenza indiscutibilmente sovracomunale, interessando oltre che i comuni della Sabina reatina anche quelli della Sabina romana. Finalmente sarà possibile, dopo una attesa ultradecennale per tutti i cittadini usufruire di una piscina. Le finalità sociali di quest'opera sono evidenti ed inoltre riportiamo qui di seguito le agevolazioni destinate ai residenti:

  • riduzione pari al 50% per i corsi organizzati dal Comune, anche in collaborazione con associazioni e società sportive destinati ai bambini frequentanti la scuola dell'obbligo (60 posti).

  • uso mattutino per le scuole dell'obbligo (9.30 12.30) per un massimo di 100 ore per anno scolastico e per un giorno alla settimana, con il pagamento forfettario delle sole spese di riscaldamento.

  • riduzione del 60% per i centri ricreativi estivi organizzati dal Comune.

  • riduzione particolare per anziani del Centro Sociale di Poggio Mirteto.

  • uso gratuito della struttura per due manifestazioni l'anno organizzate dal Comune


Un'idea per uno spazio della cultura
L'estate Mirtense ogni anno propone nel corso della rassegna cinematografica che si tiene al parco S. Paolo il meglio del cinema italiano. La grande attenzione riscontrata, per questo tipo di manifestazione che si rivolge a tutte le fasce sociali, dai bambini passando per i genitori, fino ad arrivare ai nonni a fatto nascere in questa Amministrazione l'idea di realizzare uno spazio ove far si che la voglia di cinema, ma più in generale la voglia di un luogo di incontro culturale e sociale, possa essere soddisfatta. È nata così l'idea di proporre la realizzazione di un centro culturale contenente una multisala cinematografica ed altri spazi da destinare ad attività culturali da realizzarsi in località Magnolie. La proposta è stata inizialmente discussa prima in Consiglio Comunale, poi portata a conoscenza della cittadinanza con un incontro pubblico. Visto anche il positivo riscontro che tale iniziativa ha riscosso, senza ignorare comunque alcune obiezioni che nell'iter prima citato sono state sollevate (compatibilità idrogeologica dell'area scelta con il tipo di intervento proposto, numero di parcheggi, conservazione di uno spazio al verde), l'Amministrazione sta' continuando nella sua azione. È stato conferito l'incarico per uno studio geologico sull'area ed è stato realizzato dall'architetto De Simoni, responsabile dell'urbanistica del nostro U.T.C., un progetto di massima. Anche per quest'opera si ritiene essenziale la partecipazione di un soggetto privato che si faccia carico della parte realizzativa. La strada nella quale l'Amministrazione intende proseguire è quella di una convenzione sulla falsa riga di quella realizzata per il centro sportivo.



Opere pubbliche in cammino
Brevemente vogliamo informarvi dei vari cantieri che in questo frangente sono operativi nel nostro paese. Nei mesi di luglio e ottobre sono iniziati i lavori per i due ostelli finanziati con i fondi del Giubileo 2000 in piazza Mario Dottori ed in piazza Terenzio Varrone. Sono opere per complessivi 2.572.000.000, che una volta portate a termine daranno a Poggio Mirteto quella recettività che finora non si è mai avuta, consegnandoci una prospettiva di valorizzazione turistica del nostro territorio che sta poi all'abilità di tutti noi rendere produttiva. Procedono anche i lavori per la realizzazione delle caserme dei Carabinieri e della Forestale. È stata realizzata la strada di collegamento pedonale tra il polo didattico con via Palmiro Togliatti e con il piazzale antistante gli impianti sportivi il quale è stato opportunamente adattato affinché potesse accogliere gli autobus utilizzati dagli studenti; è stato completato il rifacimento di via E. Nardi, via Bocchignano, via S. Cosimo e la regimentazione delle acque piovane sulle medesime strade e via S. Cosimo. Inoltre è stato approvato il progetto definitivo per il nodo di scambio FF.SS. a Poggio Mirteto Scalo. Quest'opera realizzata grazie all'intervento della Regione Lazio permetterà la creazione di 310 posti macchina, 12 attestazioni per gli autobus, ed inoltre consentirà una riqualificazione dell'intera area compresa tra lo scalo ferroviario e la SS. 313 mediante un adeguato intervento di arredo urbano.
Il 30/12/1998 verranno aperte le buste contenenti le offerte per i lavori di rifacimento di via Gramsci e via S. Paolo, e soprattutto per piazza della Vetreria la quale sarà interessata da un intervento di arredo urbano avente lo scopo di restituire a questa piazza la dignità architettonica che merita. Questo progetto realizzato dal nostro Ufficio Tecnico (geometra Flamini) ha il fine di rendere veramente una "piazza", luogo di incontro, di socializzazione, di scambio umano, quella che ad oggi altro non è che un'area ospitante un disordinato parcheggio. La vivibilità della nostra città passa anche e soprattutto per queste opere di riqualificazione del tessuto urbano. Nella prima decade di gennaio si avvierà il rifacimento di via G. Felici con la conseguente sistemazione delle cunette e tutto ciò che occorre per la regimentazione delle acque piovane.



Informazioni utili da conservare
Poggio Mirteto per te.
Più informazioni per vivere meglio

Il Comune di Poggio Mirteto continua nella realizzazione di una serie di pubblicazioni per offrire ai cittadini maggiori informazioni su temi di interesse della città.
L'obiettivo è quello di avvicinare i cittadini alla Pubblica Amministrazione, rompendo un silenzio che è una delle cause della diffidenza o addirittura dell'ostilità che molti nutrono nei confronti delle Istituzioni. Siamo convinti che far conoscere i servizi che vengono forniti, le competenze degli uffici, i loro orario di apertura al pubblico, i documenti più importanti prodotti dal Consiglio Comunale e della Giunta, voglia dire aprirsi alle domande ed alle critiche dei cittadini fornendo nel frattempo una risposta da cui dipende la soluzione di grandi e piccoli problemi della vita di tutti i giorni



Il Comune risponde

Centralino Comune 0765 4051
Sindaco 0765 405213
Segretario 0765 405208
Ufficio Relazioni con il Pubblico 0765 405215
Ufficio Ragioneria 0765 405204
Ufficio Tributi 0765 405207
Vigili Urbani 0765 405222/3/4
Ufficio Protocollo 0765 405211
Ufficio Tecnico 0765 405219/221
Servizi Esterni 0765 405218
Ufficio Cultura, Pubblica Istruzione
Servizi Demografici 0765 405209/212
Ufficio Servizi Sociali 0765 405201/212
Centro di iniziativa locale per
l'occupazione (CILO) 0765 441075



Numeri utili

Biblioteca Comunale 0765 441683
Scuola Elementare Dir. Didattica 0765 24126
Scuola Materna sede Viale De Vito 0765 441646
Scuola Materna sede Torrette 0765 441546
Scuola Media Statale 0765 24232
Scuola Materna Scalo 0765 26073
Liceo Scientifico 0765 441837/24328
Liceo Linguistico 0765 24089
Istituto Magistrale 0765 423250
Istituto Tecnico Commerciale 0765 423145
ITC Via Bonfante 0765 423571
Istituto Professionale di Stato 0765 24321
Istituto Prof. per il Commercio e Turismo 0765 24371
Istituto Formazione Prof. I.A.L. 0765 24489
Ufficio Collocamento 0765 24051/441079
USL 0765 4481
Servizio Veterinario 0765 441191
INPS Centro Operativo 0765 24200/1
Croce Verde Sabina 0765 29660
Ufficio Postale 0765 24211
Ufficio Postale Scalo 0765 26006
Pretura 0765 423112/24129
Guardia di Finanza 0765 441591
Comando Stazione Forestale 0765 423575
Comunità Montana 0765 423586
ACI Delegazione 0765 441544
Co.Tra.L. 0765 26015
ENEL Agenzia P. Mirteto 0765 24655
Italgas Servizio Clienti 0746 81679
Italgas Segnalazione Guasti 0746 81463
Telecom Direzione 0746 2761
Croce Rossa Italiana 0765 24093