Tornare a Comuni della Sabina

home

Magliano Sabina

230 mt. s.l.m.
Cap 02046
Distanza da Rieti 51 Km
Stazione più vicina: Civitacastellana

Numeri utili:
  • Comune ..........  0744 91337
    email: sindaco@maglianosabina.com
  • Pro loco ..........  0744 910021
  • Ufficio postale .. 0744 91388
  • Carabinieri .......  0744 91333
  • Ospedale.......... 0744 9121
  • Farmacia .........  0744 91342
    visita il sito www.maglianosabina.com

Consulta la pagina degli Eventi aggiornata quotidianamente

Teatro Manlio - Stagione di prosa 2008 - Locandina (File Pdf)

Poiché il nome di Magliano deriva certamente da un "praedium Manlianum" o da un "fundus Manlianus" dell'età romana appartenente alla "gens Manlia" il casale omonimo citato in una carta farfense dell'VIII secolo potrebbe identificarsi appunto con il nucleo rurale ingranditosi, più tardi, nell'attuale paese. Questo poi già nel secolo XI era un "castellum" , cioè un abitato cinto di mura dove sostarono , nel 1155, l'Imperatore Federico Barbarossa e il Pontefice Adriano IV.

Nel tardo Medioevo Magliano ebbe il dominio degli Orsini e venne perciò assalito nel 1311 da Ludovico di Savoia, Senatore di Roma e fiduciario, in Italia, dell'imperatore Enrico VII di Lussemburgo. Dopo un breve assedio i notabili maglianesi fecero atto di sottomissione giurando fedeltà al Comune di Roma e si impegnarono ad inviare annualmente un palio di dieci fiorini, quattro giostratori e due monili d'argento dorato ai giochi romani di Agone e di Testaccio.

Nel secolo XV, il paese venne espugnato da Muzio Attendolo Sforza a cui lo ritolse poco dopo Braccio da Montone che lo restituì, nel 1430, alla Santa Sede. Ospitò nel 1464 Papa Pio II Piccolomini, che già ne aveva elevata la Chiesa principale a Collegiata, e Papa Alessandro VI Borgia gli riconobbe il titolo di Città e vi trasferž da Vescovìo la sede della Cattedrale e della Diocesi Suburbicaria di Sabina. Al principio del secolo XIX venne innalzato a sede di Governo distrettuale e nell'autunno del 1870 accolse il Quartiere Generale del Corpo di Spedizione Italiano diretto alla conquista di Roma.

L'abitato, raccolto sulla cima e sul declivio di un colle in vista della valle del Tevere, conserva, in parte, aspetto medioevale e una decorosa fisionomia edilizia caratterizzata da nobili e severi Palazzi cinquecenteschi. La Chiesa Cattedrale, dedicata a San Liberatore, venne consacrata nel 1498 e restaurata radicalmente nel secolo XVIII. All'interno è divisa in tre navate e ha l'abside decorata con dipinti murali settecenteschi. Notevoli in essa: una tempera su tavola di un pittore viterbese quattrocentesco della cerchia di Antonio da Viterbo, rappresentante il Salvatore benedicente, l'altra tavola dipinta nel 1521 da Rinaldo Iacobetti da Calvi, seguace di Giovanni Spagna, rappresentante la Incoronazione della Vergine e nella predella l'Annunciazione, e, la nascita e la morte del figlio del gentiluomo maglianese Uliano, e una statua cinquecentesca della Vergine col Putto.

In Sacrestia, una Croce processionale quattrocentesca cesellata, di Scuola Abruzzese. Altra Chiesa di grande interesse monumentale è quella del secolo XII dedicata a San Pietro , con semplice ed elegante facciata adorna di un partito architettonico ad arcatelle cieche su colonnine e severo, armonioso interno a tre navate.

Tra gli edifici civili monumentali meritano di essere visitati il Palazzo Vescovile e il Palazzo Civico, nel quale si conservano cimeli romani e una statua in terracotta della Vergine col Bambino. Altre Chiese degne di segnalazione sono: la ottocentesca chiesa del Santuario di Santa Maria delle Grazie (con l'immagine quattrocentesca della Madonna della Misericordia, coperta da una sontuosa veste seicentesca di argento cesellato), una Cripta romanica, ricca di affreschi votivi quattrocenteschi (attribuiti, in parte, a Giovanni di Giovannello di Narni) e i venerati Santuari di Santa Maria del Giglio e di Santa Maria di Uliano.

Nei dintorni di Magliano, meritano di essere visitati la zona archeologica e la necropoli di Foglia, nonché l'omonimo abitato (Chiesa dell'Assunta con affreschi del 1605).


Si ringrazia L'I.P.S.S.C.T di Poggio Mirteto per la gentile concessione del testo

Da visitare:

Museo civico Archeologico di Magliano Sabina Museo Civico Archeologico Magliano Sabina

 

Eventi:

Teatro Manlio:
- Stagione di prosa 2008 - Locandina (File Pdf)
- Note relative agli spettacoli (File Pdf)

 

 


HOME SABINA ONLINE
Luoghi da visitare - Eventi - Collegamenti - Mappa
Storia - Gastronomia - Territorio - Tradizioni - Bibliografia
Comuni della Sabina - Scuole - Numeri utili
"Il Farfa dal Farfa" - La Goccia - Link

email: info@fabarisit

una produzione Fabaris srl
© 1998 - 2001 Fabaris tutti i diritti riservati