home

Cantalupo in Sabina

303 mt. s.l.m.
CAP 02040 
Distanza da Rieti Km 38
Stazione più vicina Poggio Mirteto

"Mercurio Informa"
Il nuovo giornale online di Cantalupo in Sabina

Numeri utili:
  • Comune........... 0765 514031
  • Pro loco........... 0765 514031
  • Ufficio postale... 0765 514033
  • Farmacia.......... 0765 514289

Consulta la pagina degli Eventi aggiornata quotidianamente

Cantalupo in sabina - panorama

In epoca romana imperiale il suo territorio è cosparso di ville rustiche residenziali. Attorno ad esse, nel primo medioevo sorgono i Pagi e i Vici, i cui abitanti, superstiti alle invasioni barbariche, si incastellano (tra VIII-IX) sul punto più alto del territorio, dando vita al Castrum Cantalupi citato per la prima volta dal Regesto Farfense nell'anno 1037.

Conti di Cuneo sono i primi "consorti" che danno vita alla primitiva rocca, cui segue il "Palatium" dei Conti di S. Eustachio (sec. XIII-XIV). Cantalupo passa, quindi, ai Savelli, che dominano nel Castello sino a tutto il sec. XV. Seguono i Cesi di Acquasparta e di Rignano che nel sec. XVI e XVII trasformano il castello dei Savelli nel Palazzo residenziale (Palazzo Cesi). Guido Vaini, marchese di Vacone, compra il castello ed il feudo dai Cesi, passando poi l'eredità ai Lante della Rovere, che restano sino al 1804.
La proprietà del Palazzo, il ricco patrimonio terriero e diversi possedimenti immobiliari passano poi nelle mani di diversi signori, dal Patriziato Sabino ai Simonetti, quindi al francese De Podenas.

Chiesa parrocchiale di S. Biagio
Uno sguardo nel centro strorico Nel 1862 Giovanni Battista Camuccini, figlio del pittore neoclassico Vincenzo, acquista il patrimonio dell'ex feudo e trasforma il "Palazzo" in un museo. Amministrativamente, Cantalupo è in origine comunità indirettamente soggetta alla Camera  Apostolica, poi, con la caduta del sistema feudale, passa direttamente sotto il Governo Pontificio (1816). Nel 1861 entra a far parte del Regno d'Italia, aggregato alla provincia di Perugia, poi a quella di Roma, finchè nel 1927 viene incluso nella nuova provincia di Rieti.

Cantalupo com'era

Si ringrazia il comune di Cantalupo in Sabina per la gentile concessione dei testi e delle foto

Da visitare:

Palazzo Camuccini Cesi

Palazzo Camuccini Cesi
Di epoca rinascimentale, il palazzo fu edificato dal cardinale Pier Donato Cesi sui ruderi della Rocca dei S. Eustachio e dei Savelli (palatium). Successivamente divenne la dimora dei feudatari Vaini, Lante della Rovere. Fu acquistato da Giovanni Battista Camuccini che lo trasformò in museo. Dopo le manomissioni belliche e altri avvenimenti, è tornato ad essere il palazzo Baronale. Nel Palazzo Camuccini e' custodita la stanza dove pernotto' Giuseppe Garibaldi prima della battaglia di Aspromonte.

Biografia di Vincenzo Camuccini Biografia di Vincenzo Camuccini, pittore neo-classico (1771-1844).

 

Eventi

14-15-16 Settembre 2007 3^ edizione di ARTE R.i.E. - Rassegna di Ipotesi Espressive (Per ulteriori info mercurioinforma.org)

Festa della B. V. Assunta in Cielo e di S. Biagio (Sagra del Melone)

Mostra Mercato delle Stagioni (seconda domenica di marzo, giugno, settembre, dicembre)

Concorso "Volano le matite"

 


HOME SABINA ONLINE
Luoghi da visitare - Eventi - Collegamenti - Mappa
Storia - Gastronomia - Territorio - Tradizioni - Bibliografia
Comuni della Sabina - Scuole - Numeri utili
"Il Farfa dal Farfa" - La Goccia - Link

email: info@fabarisit

una produzione Fabaris srl
© 1998 - 2001 Fabaris tutti i diritti riservati